aa

Mobility Revolution Truck è il rating di sostenibilità per i veicoli industriali, realizzato insieme a Lifegate, che trovate ogni mese in ciascuna prova di Vado e Torno. Un numero che fa capire immediatamente che percentuale di sostenibilità ha raggiunto quel veicolo. Ottenuto immettendo nella routine di calcolo tutte le caratteristiche tecniche: motore, cambio, dotazione di serie e a richiesta, pesi e dimensioni, fino ai costi d’esercizio e alla sostenibilità del brand.

Mobility Revolution Truck, sostenibilità a 360 gradi

Ma Mobility Revolution Truck non nasce per elargire patenti o stroncature, bensì per condividere un percorso che porti a un effettivo miglioramento del trasporto su strada, individuando quali siano i percorsi da seguire sul piano delle tecnologie costruttive e delle dotazioni di bordo necessarie per rendere i veicoli più sostenibili a 360 gradi. Quindi non solo perché inquinano meno o consumano poco, ma anche per l’impatto che hanno sugli altri utenti della strada e sulla popolazione, in pratica sull’ambiente che li circonda nel senso più vasto.

Per rivolgersi a un pubblico più vasto

Per raggiungere l’obiettivo di rendere i veicoli industriali in qualche modo interpreti attivi di un’evoluzione a tutti i livelli verso un mondo nuovo, più sostenibile, che non sia però una chimera o un sogno a lunga gittata, Mobility Revolution Truck ha in sé, nella sua struttura di calcolo e nella scelta delle voci che lo compongono e del peso di ciascuna, il germe e l’ambizione di uscire dall’esclusivo e autoreferenziale mondo in cui nasce.

Ecco dunque che dalla collaborazione con Lifegate, punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile delle persone e delle imprese che aggrega una community di circa 5 milioni di utenti, e sulla base delle esperienze maturate col rating ‘madre’ per le auto, Mobility Revolution declinato nei truck si muove seguendo un fi lo conduttore comprensibile anche ai non addetti ai lavori. In queste pagine si possono vedere i due veicoli più recenti che appartengono a quella generazione futuribile, ma che in realtà è già qui a portata di mano, verso cui è necessario tendere e che i costruttori più attenti stanno preconizzando.