de rooy

A ventiquattro ore dal secondo successo di tappa, Gerard De Rooy concede il bis. O meglio, il tris. Il portacolori del Team Petronas ha infatti dominato oggi la nona frazione della Dakar (Belén-Belén, 285 km), conquistando il terzo successo parziale (il trentesimo alla Dakar) dopo quello di ieri e il precedente a Jujuy (4° tappa). Ma la prestazione odierna dell’alfiere Iveco assume un significato importantissimo alla luce della classifica, in quanto scava un solco profondo tra l’olandese e gli avversari. A quattro tappe dalla conclusione, De Rooy guarda infatti tutti dall’alto con un margine di 27’12” sul più immediato inseguitore, il russo Nikolaev (Kamaz), addirittura 41’24” sull’argentino Villagra (Iveco), 44’ su Versluis (Man) e distacchi superiori su Van Genugten (Iveco) e Mardeev (Kamaz). Con Karginov (Kamaz) settimo a 1h41’31”. Se non è ipoteca della corsa questa, poco ci manca.

La frazione odierna non ha praticamente avuto storia tale è stata la superiorità del Powerstar verde-giada di Gerard De Rooy. Già al primo controllo orario, infatti, De Rooy viaggiava con quasi 14 minuti di anticipo su Karginov e poco meno di 18  su Nikolaev. Un colpo da ko per i due piloti Kamaz, che nei restanti chilometri nulla hanno concretizzato nel tentativo di colmare il gap con il leader.

Sul traguardo finale, De Rooy ha chiuso con 3’59” di margine sul compagno di marca Van Genugten, 16’04” sul Kamaz di Karginov, 16’45” sull’altro Iveco Powerstar del brillante Villagra, e 19’14” su Kamaz di Nikolaev che a sua volta ha preceduto i Tatra di Ardavichus, Vratny e Valtr, tutti registrati con distacchi superiori ai venti minuti.

Domani 10ma tappa: si lascia Belén in direzione di La Rioja con un percorso di 278 chilometri.

LA CLASSIFICA GENERALE (dopo 9 tappe):

1. De Rooy (Iveco); 2. Nikolaev (Kamaz) a 27’12”; 3. Villagra (Iveco) a 41’24”; 4. Versluis (Man) a 44’; 5. Van Genugten (Iveco) a 45’02”; 6. Mardeev (Kamaz) a 51’49”.