calais-3

Richard Burnett, direttore esecutivo della Road Haulage Association, principale associazione di categoria degli autotrasportatori in Gran Bretagna, ha chiesto l’impiego dell’esercito per rendere più sicuri il porto e le strade di avvicinamento sul lato francese della Manica, attorno ai campi dove vivono circa quattromila profughi.

“È solo una questione di tempo prima che le nostre peggiori paure – ha dichiarato Burnett – diventino realtà e un qualche autotrasportatore diretto verso il Regno Unito venga ucciso”.

Gli episodi di migranti saliti di nascosto sui mezzi diretti verso la costa inglese e lì poi scoperti continuano infatti a ripetersi. A gennaio i traghetti sono stati fermati causa irregolari a bordo. Poi è stato appiccato il fuoco sulla strada d’imbarco ai ferry.

ABBONATI SUBITO

Scopri di più

L'articolo completo sul numero di marzo della rivista Vado e Torno
ABBONATI SUBITO