AAA CERCASI INGEGNERI. Il lungo tunnel delle revisioni camion

revisioni camion

Una trentina di ingegneri in tutta Italia. È la risposta del Ministero dei Trasporti all’emergenza legata alle montagne di pratiche accumulate negli ultimi mesi per le revisioni camion. Assunzioni, di inizio maggio, che sembrano del tutto insufficienti. Ma è pur sempre un primo passo: il Ministero ha infatti assicurato, nei prossimi mesi, l’arrivo di altri ingegneri.

L’inefficienza della macchina pubblica

Una risposta alle molte proteste, tra cui quelle piuttosto veementi di Sergio Piardi e Antonio Petrogalli, presidente e presidente onorario di Fai Brescia: «Invece di migliorare assistiamo al continuo peggioramento, all’inefficienza. Qualcuno al Governo, nei Ministeri, ha idea di quanto tempo si deve perdere perché la Motorizzazione non funziona? Ci si è mai chiesti quanto denaro si perde quando un mezzo sta fermo giorni e giorni in attesa che gli uffici pubblici riescano finalmente a viaggiare alla stessa velocità con cui si muovono i privati? È normale che il Paese debba viaggiare a due velocità e, soprattutto, che chi è costretto a correre debba pagare anche i danni provocati da chi va piano o sta addirittura fermo?».

Servono urgenti rinforzi

Resta il nodo degli ingegneri necessari a normalizzare la situazione a livello nazionale: secondo il presidente nazionale di Fai Conftrasporto, Paolo Uggé, c’è l’assoluta necessità di «inserire 280 ingegneri, indispensabili per il funzionamento minimo delle Motorizzazioni locali». Ne mancano 250.

revisioni camion

giugno 7th, 2017|PRIMOPIANO|